Come cambia la Maturità con il Coronavirus. Il piano del ministero:

Come sarà l’esame di Maturità con il Coronavirus: il piano del ministero

Che l’esame di Maturità 2020 si faccia lo stesso, nonostante l’emergenza Coronavirus in Italia, è ormai risaputo: la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina lo ha confermato in più occasioni. Ciò che emerge, invece, negli ultimi giorni è anche la volontà di realizzarlo “dal vivo” e non nello stesso modo in cui negli ultimi due mesi milioni di studenti hanno dovuto affrontare le lezioni, ovvero in videoconferenza. Un esame vero, solo orale, della durata di circa un’ora, basato sul programma svolto nel primo quadrimestre e che toccherà quasi tutte le materie: è questo il piano del ministero, che in questi giorni sta mettendo a punto l’ordinanza che regolerà la Maturità 2020.

A riportare l’indiscrezione, oggi, è Repubblica, che parla di una ministra Azzolina fortemente convinta della possibilità che il colloquio tra candidato e commissione (composta solo da membri interni, ad eccezione del commissario) si svolga di presenza. Le proiezioni delle curve del contagio, del resto, sembrano incentivare questa soluzione. Se l’esame si svolgerà – come sembra – mercoledì 17 giugno (che, in origine, era la data della prima prova), per quella data secondo l’analisi dell’Osservatorio nazionale sulla salute nelle Regioni italiane 18 Regioni su 20 avranno raggiunto i contagi zero. Mancheranno solo Marche e Lombardia. Se sarà davvero così, allora organizzare un orale in una stanza che possa contenere – a distanza di sicurezza e con mascherina – i sei commissari, il presidente e il candidato (con il testimone collegato in videoconferenza) non sarebbe così complicato.

https://video.tpi.it/video/kmRqFFU2/embed/

In cosa consisterà la prova di Maturità

L’oralone, come ormai viene chiamato questo inedito esame di Maturità, come già anticipato riguarderà tutte o quasi le materie oggetto di studio, con programmi fino al primo quadrimestre o comunque prima della chiusura della scuola a causa del Coronavirus. Durante i 60 minuti di prova, ci saranno anche esercitazioni scritte: gli studenti del liceo, ad esempio, dovranno tradurre anche alcune versioni. Farà parte dell’esame anche un colloquio sull’Alternanza scuola-lavoro.

Il tema su cui al ministero si sta ancora discutendo, invece, è quello relativo al voto finale. Tutti i maturandi saranno promossi e nelle intenzioni di Azzolina c’è quello di mantenere anche la possibilità di raggiungere la votazione finale di 100. Sulla lode, invece, persiste qualche incertezza, come anche sulla possibilità di ottenere un premio in denaro per le eccellenze. Come arrivare però alla votazione di 100 centesimi? Ci sono, al riguardo, due tesi: la prima – quella maggioritaria – chiede di attribuire 60 punti all’orale e 40 al percorso svolto dallo studente (quindi ai crediti accumulati negli anni precedenti, comprendendo anche il quinto con gli stessi criteri); la seconda, invece, consiste in un 50-50. Il ministero ha tempo, per decidere, fino ai primi di maggio, quando sarà presentata l’ordinanza e ufficializzata la data degli esami di Maturità ai tempi del Coronavirus.

Fonte: TPI

Link: https://www.tpi.it/cronaca/coronavirus-scuola-maturita-esame-orale-piano-ministero-20200422589984/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...