“Chi prende il reddito di cittadinanza cerca lavoro in nero”

“Chi prende il reddito di cittadinanza cerca lavoro in nero”
L’inchiesta del Corriere: “C’è difficoltà a reperire personale. In tanti vengono a fare il colloquio e poi ci rispondono che preferiscono restarsene a casa, coperti da reddito di cittadinanza, bonus o altre forme di sostegno”

“Chi prende il reddito di cittadinanza cerca lavoro in nero”

Il Corriere della Sera pubblica oggi un’inchiesta a firma di Federico Fubini e Goffredo Buccini in cui si parla del reddito di cittadinanza e si mettono insieme tutti i casi in cui i percettori hanno cercato (e in alcuni casi sono riusciti a farsi assumere) lavoro nero per “arrotondare” il sussidio. Si parte dal racconto del direttore dell’Istituto clinico De Blasi Eduardo Lamberti: 

Annunci

Oggi nella provincia di Reggio Calabria un abitante su dieci vive in una famiglia che percepisce assegni da reddito di cittadinanza. Per alcuni, l’assegno è diventato un doppio atout. Non si prende il reddito perché si è senza lavoro, ma si cerca lavoro (nero) perché si prende il reddito: e dunque ci si può mettere sul mercato a metà prezzo.

Con un ulteriore «vantaggio» per gli imprenditori disinvolti, come spiega Lamberti (che di offerte simili racconta di averne «rifiutate a decine»): «Per i disonesti è una manna, uno può mandare via quando vuole il dipendente privo di tutela normativa. Diventa un… investimento imprenditoriale il reddito di cittadinanza. Ma secondo me è una gigantesca istigazione a delinquere», conclude il settantenne medico calabrese, un tempo assessore alla polizia locale nella giunta di Italo Falcomatà, il sindaco-mito della «primavera di Reggio».

“Lavoro? No, preferisco il reddito di cittadinanza”

Poi si passa agli albergatori di Jesolo, il cui rappresentante qualche tempo fa aveva emesso questo comunicato: «C’è difficoltà a reperire personale. In tanti vengono a fare il colloquio e poi ci rispondono che preferiscono restarsene a casa, coperti da reddito di cittadinanza, bonus o altre forme di sostegno». Poi c’è la storia della Guardia di Finanza che ha scovato 101 ‘ndranghetisti tra Gioia Tauro, Aspromonte e Reggino che percepivano il contributo.

Un’architetta posillipina che preferisce, comprensibilmente, l’anonimato, sostiene che a Napoli «i lavori nei cantieri si fanno quasi tutti in nero o con una fatturazione minima, dall’intonaco alla pittura. I lavoratori prendono il reddito di cittadinanza come una pensione, lo mettono da parte, per un futuro di cui hanno paura. E per gli imprenditori è difficilissimo trovare lavoratori diversamente: a 800 euro, quelli se ne stanno a casa». E non solo al Sud.

A Milano, l’Agenzia per la formazione e l’orientamento al lavoro (Afol) ha lanciato un progetto rivolto a un piccolo gruppo di percettori del sussidio, performazione da meccanico, banconista e addetto alla logistica, con una chance di inserirsi nelle aziende partner: tra ragioni familiari, depressioni e assenze dell’ultimo minuto, su un centinaio di selezionati ne è spuntata una metà scarsa ridotta poi a trenta volenterosi.

Fonte: Today

Link: https://www.today.it/rassegna/reddito-cittadinanza-lavoro-nero.html?fbclid=IwAR2cCYNfIjE4jrtCXHtRCZNC4UnW4wVAJxbWnGmtqjdBdJj3L95-A9WhmWk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...