Fabio Volo: “Il mio più grande successo? Pagare i debiti di papà. Se n’è andato lentamente”

Il conduttore radiofonico si racconta al Corriere della sera: “Devo dire grazie a me stesso: perché credo di essermi sopravvissuto”

“Papà se n’è andato lentamente, aveva l’Alzheimer, in qualche modo non c’era già più. Il più grande successo della mia vita è stato pagare i suoi debiti”. Fabio Volo si racconta in un’intervista al Corriere della sera, ripercorrendo la sua infanzia, il rapporto con i genitori e la sua vita da padre. 

Annunci

“Mio padre si chiamava Giovanni Bonetti. Non c’è più da cinque anni. È mancato cinque mesi dopo che è nato il mio secondogenito, Gabriel. Quando sono andato all’ospedale a Brescia perché Johanna doveva partorire, il giorno successivo lui è stato ricoverato. Andavo in un reparto dove ero padre e in un altro dove ero figlio, in situazioni opposte. È stata una esperienza intensa. Papà se n’è andato lentamente, aveva l’Alzheimer, in qualche modo non c’era già più. Le cose che dovevamo ricucire, alcuni scontri su idee politiche o sulla vita, le avevamo già ricucite”

Il regalo più grande fatto ai suoi genitori è anche quello che considera il principale successo della sua vita: 

“Mio padre purtroppo ha sempre avuto grandi problemi economici, pignoramenti, sono cresciuto dentro questa bolla della povertà. Non che non ci fosse da mangiare, ma il non poter fare le cose. Quando sono stato fortunato abbastanza da aiutarli ho pagato i suoi debiti, ho comprato casa per loro e li ho mandati in pensione qualche anno prima. Il più grade successo della mia vita è stato quello”

Annunci

Ora Fabio Volo è padre di due bambini, ai quali non fa pesare il suo successo:

“Mi hanno visto fare la radio, ma a casa non ho mai messo un mio film, mi hanno riconosciuto solo nel video di Rovazzi. Mi chiedono se conosco chi mi ferma per strada per un selfie. Con loro sono molto semplice, quando smetto di lavorare torno a essere Fabio Bonetti che ha gli amici di Brescia o di Milano di sempre”

A questo punto della sua vita, sa chi dover ringraziare per ciò che è diventato:

“Una volta avrei risposto a mio padre e mia madre, a quelli che mi hanno aiutato. Ora sono nella comprensione anche dei giuda, quindi i veri grazie devo dirli pure a chi mi ha ostacolato. E poi devo dire grazie a me stesso: perché credo di essermi sopravvissuto, non solo alle mie paure e ai miei limiti, ma al mio successo, al fatto di aver ottenuto quello che desideravo. Era, forse, la cosa più pericolosa”

Fonte: Huffingtonpost

Link: https://www.huffingtonpost.it/entry/fabio-volo-il-mio-piu-grande-successo-e-stato-pagare-i-debiti-di-papa-se-ne-andato-lentamente-aveva-lalzheimer_it_5fe98ecac5b66809cb3276b5?utm_hp_ref=it-homepage

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...