Zingaretti: “Non vogliamo votare”. Il Pd punta alla pace Conte-Renzi per un governo “autorevole

Marcucci: “Conte dialoghi con Iv”. Bettini: “Renzi dia segnali in Aula”

Il Partito democratico spinge per la pace. A partire dal suo segretario, Nicola Zingaretti, che Radio Immagina, a proposito del rischio di elezioni anticipate, afferma: ”È stata la scelta di Matteo Renzi che ha materializzato il rischio di elezioni anticipate. Quando pensavamo a una crisi al buio pensavamo esattamente a questa situazione. Tutte le posizioni ora si stanno irrigidendo. Ora dobbiamo uscirne. L’apertura della crisi ha materializzato un rischio che va in tutti i modi evitato”.

VIDEO – Zingaretti: “Il Pd non vuole elezioni anticipate”

blob:https://video.huffingtonpost.it/524038fd-d9c1-47bb-ac12-d4d1ad6dbc1c

C’è poi il capogruppo del Pd al Senato, Andrea Marcucci, che in un’intervista a QN afferma: “Il presidente Conte ha fatto molte cose buone e, come tutti gli esseri umani, ha sbagliato alcuni passaggi. Ciò detto, il quadro è chiaro: c’è una crisi difficile e assurda. Inutile girarci attorno. Bisogna evitare come la peste il ritorno alle urne. Ma non per meri calcoli elettorali, bensì per l’Italia. Quindi, noi democratici siamo con Conte. Ma lui riprenda il dialogo con Italia Viva. Sia dinamico”. 

“Conte deve dare al Paese una maggioranza che governi e affronti le sfide che abbiamo davanti – continua – ci vuole una ricucitura con Italia Viva. E il premier agisca in tal senso”. Per Marcucci “i fatti sono che Matteo Renzi è in gran parte il responsabile della crisi. Non ha guardato con sufficiente attenzione al quadro complessivo. Però poi bisogna aggiungere che esiste un punto di equilibrio”.

Anche Goffredo Bettini, intervenendo a Omnibus su La7, chiede un segnale a Renzi.  “Ora Renzi dimostri effettivamente di avere il senso non dell’errore ma un po’ del salto nel buio che lui ha procurato – spiega – e incominci in Parlamento a dare qualche segnale, se ci sono delle aperture” nella relazione del ministro Alfonso Bonafede sulla giustizia.

VIDEO – Bettini (Pd): “Conte annunci dimissioni in Aula e Renzi dia nuovi segnali”

blob:https://video.huffingtonpost.it/4ab966b3-51f4-4a6f-bdd5-c15642691d8c

“Se è un Renzi che ha rotto direi di no, se si mette nell’ottica di una responsabilità nazionale senza ricatti e senza prepotenze, si può guardare a una fase nuova”, ha spiegato. In ogni caso, per Bettini, “per il ricorso eventuale al voto la responsabilità è di chi ha staccato la spina, noi faremo di tutto per evitarlo”. “Accusano me ed Andrea Orlando – sostiene ancora Bettini – di aver chiuso a Renzi. Io ho dato a Renzi quel che era giusto dare a quell’area politica. Il Pd è stato il partito della responsabilità, ha sollecitato tutti a fare la loro parte ma se si parla di elezioni è stato Renzi a staccare la spina”.

Per uscire dalla crisi politica bisogna “rimettere al centro i bisogni degli italiani: una pandemia da sconfiggere”, “una campagna vaccinale per la quale non abbiamo vaccini a sufficienza” e una “crisi economica che mette a rischio centinaia di migliaia di posti di lavoro”. A dirlo è il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, in un’intervista al Mattino in cui sottolinea: “Ritengo che Conte abbia tutti i titoli per formare un nuovo Governo per affrontare i problemi che ho indicato, sostenuto da tutti coloro che sono chiamati” a compiere “una scelta per l’Italia”.

“Ciascuno – prosegue – si deve misurare con queste priorità assolute, altro che crisi politiche ed elezioni anticipate”. Bonaccini invita le forze politiche a rimuovere i veti incrociati: “Ho stima del presidente Conte con cui ho collaborato molto bene – chiarisce – e non concepisco i veti personali”. “La politica – dice ancora – ha il compito di trovare soluzioni e dare risposte concrete non di arroccarsi su veti personali. Vale per Conte come vale per Renzi”.

Secondo la sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa, intervistata dalla Stampa, Conte “fa bene ad andare avanti, la relazione Bonafede va portata al voto, magari l’esito è incerto, ma arriverà un chiarimento: in quel caso ognuno si assumerà la propria responsabilità e se andrà male si andrà alle urne”. 

“Quando la crisi finirà nelle mani di Mattarella, noi che fin qui abbiam detto che dopo Conte c’è il voto, saremo conseguenti” spiega. Rispetto a altre possibili strade, Renzi “ha creato questo pasticcio e ora cerchi una soluzione. La proponga lui: chieda di sedersi a un tavolo in una forma istituzionale, dicendo che la condizione che si è creata è grave, per un errore nella loro valutazione”. E questo “vale per tutti e non solo per lui, anche per i suoi”. Fino a quando “i parlamentari di Iv pensano che prima o poi qualcuno cederà, non si andrà lontani”.

Fonte: Huffingtonpost

Link: https://www.huffingtonpost.it/entry/il-pd-spinge-per-la-pace-marcucci-conte-dialoghi-con-iv-bettini-renzi-dia-segnali_it_600e8ebfc5b6a46978d2c299?fbclid=IwAR3IF-_k9zL_NYu8JVUmXYgTuhG6BpYYOX3p6Ko1zEl00sQ9KCJno30Sbp4

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...